ANSIE E PAURE DEI BAMBINI: COME AIUTARLI A CASA E A SCUOLA

ANSIE E PAURE DEI BAMBINI: COME AIUTARLI A CASA E A SCUOLA

Le paure nei bambini sono molto comuni e variano a seconda dell’etá. Genitori e insegnanti, in prima battuta, possono fare qualcosa per aiutarli e preparare il terreno per un eventuale specialista. Mi piacerebbe darti qualche consiglio per farlo al meglio.

LE PAURE NEI BAMBINI

I bambini manifestano le loro paure in diversi modi, a seconda del temperamento e del proprio livello cognitivo: scoppi d’ira e di pianto, pianti inconsolabili, atteggiamenti ostili oppure le reprimono per vergogna o per non dare preoccupazione.

Si passa dalle paure dei rumori forti e degli estranei, nei primi mesi di vita, alla paura del rifiuto dei coetanei, del fallimento e di deludere i genitori, tipici degli adolescenti.

Ci sono paure comuni a tutte le etá che poi lentamente svaniscono, si ripresentano per un periodo o rimangono per sempre.

Nell’infanzia spesso la realtà e la fantasia si confondono e quindi i bambini non riescono a distinguere ció che è reale e ció non lo è, mentre quando iniziano a crescere, sviluppandosi anche il pensiero concreto, riescono a fare questa distinzione.

COME AIUTARE I BAMBINI CON LE LORO PAURE

Qualche giorno fa, Alessandra (nome di fantasia), una bellissima bambina di 8 anni, una volta rimasta da sola con me nello studio, mi guarda negli occhi e con un faccino triste mi chiede: “Dottoressa, io ho tante paure che non mi fanno stare tranquilla. Lo so che sono nel mio cervello ma non mi lasciano in pace, mi parlano tutto il giorno ed io non so come fermarle. Per favore, puoi aiutarmi?”.

È fondamentale distinguere tra la semplice paura e quella che, invece, può trasformarsi in ansia e poterla, così, gestire attraverso delle tecniche.

Tra le tante, quella che ti consiglio, perché più efficace, è la tecnica del rilassamento.

Il rilassamento, aiuta i bambini, come gli adulti, a controllare le risposte emozionali e a ridurre le attività del cervello (in particolare del Sistema Nervoso Autonomo).

7 SUGGERIMENTI PER RILASSARLI:

Il segreto é nella respirazione. Attraverso di essa puoi riportare il corpo ad uno stato di rilassamento e la musica agevola l’abbandono del corpo e della mente ad uno stato di benessere.

  1. metti una musica rilassante (puoi scegliere tra musica new age o rumori della natura, e puoi trovarla su YouTube o Spotify);
  2. fai sdraiare il bambino su una stuoia o un tappetino da ginnastica;
  3. invitalo a chiudere gli occhi;
  4. puoi dargli un peluche da tenere sulla pancia e stringere a sé;
  5. fagli trattenere il fiato per poi buttarlo fuori lentamente, così da eliminare ogni pensiero brutto e preoccupazione.
  6. accompagnalo dolcemente con la tua voce

Un trucco, per aiutare i piú piccoli a capire la respirazione, e’ quello di far mettere le manine sulla pancia e seguendo il respiro, far sentire, come le manine vanno su, quando l’aria entra e la pancia si gonfia e come vanno, invece giú, quando l’aria esce e la pancia si sgonfia.

Puoi provare questo gioco, chiamato il “GIOCO DEL LASCIARSI ANDARE”:

  • sdraiati con le braccia lungo i fianchi e chiudi gli occhi;
  • cerca di sentire il tuo corpo a contatto con il pavimento;
  • fai un respiro profondo mandando l’aria nella pancia;
  • espira lentamente (butta fuori l’aria);
  • rimani ancora un po’ sdraiato respirando profondamente e lentamente;
  • adesso apri gli occhi e alzati lentamente.

(Di pietro, M., 1999)

Vedrai che, in questo modo, il bambino sarà pervaso da una sensazione di calma e ritornerà ad uno stato di benessere.

Provaci e fammi sapere com’è andata…e se vuoi saperne di piú, sarò ben lieta di aiutarti. Puoi contattarmi via email a marziarape@hotmail.com o telefonicamente allo 3295481587.

A presto,

Dott. Marzia Rapè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *