Cos’è la TCC?

Cos’è la TCC?

La terapia cognitivo comportamentale è una psicoterapia sviluppata negli anni ’60 da A. T. Beck e si basa sul modello cognitivo secondo il quale le emozioni e i comportamenti delle persone sono influenzati dalla loro percezione degli eventi. Non è la situazione di per sé a determinare ciò che le persone sentono ma è piuttosto il modo in cui queste interpretano tale situazione (Beck, 1964; Ellis, 1962).
Il modo in cui le persone si sentono dipende quindi dal modo in cui esse interpretano e pensano una situazione.
Secondo tale orientamento, il nostro disagio emotivo nasce dalla relazione che esiste tra pensieri, emozioni e comportamenti: ciò che accade influenza le nostre emozioni ma i pensieri ed i comportamenti determinano la loro intensità e la loro durata.
La psicoterapia cognitiva e comportamentale è una terapia di tipo attivo che ha lo scopo di individuare e modificare gli SCHEMI (il nostro modo di pensare ed agire) che possono produrre malessere e dei quali spesso non siamo consapevoli. Il paziente è quindi attivo in questo percorso di vita insieme al terapeuta.

 

Le persone sono scienziati che interpretano ciò che accade intorno a loro (kelly, 1995).